I Put a Spell on You – Il corpo stregato dell’horror contemporaneo

Horror

da giovedì 11 gennaio | l’Asilo

I Put a Spell on You – Il corpo stregato dell’horror contemporaneo

Rassegna di cinema horror d’autore

Come una vecchia canzone che parla di amore e dipendenza, di ossessione e possessione, ciascuno di questi cinque horror è il racconto di una maledizione, di uno stregamento di corpi e anime soggiogate da forze superiori.
Il vampiro, che incantava le sue vittime per nutrirsi della loro linfa vitale, sembra aver perso le sue peculiarità, in primis la condanna alla solitudine, per espandersi alla totalità delle relazioni, per informare di sé il mondo. Unitosi al fantasma, è ora essere immateriale, pura forza, e si aggira in un universo freddo e disumanizzato, illuminato solo da scarsi barlumi.
La resistenza analogica di Jim Jarmusch, la visionarietà apocalittica di Kurosawa Kiyoshi, il romanticismo di Francis Ford Coppola, il coming of age di Tomas Alfredson, la radicalità assoluta di Abel Ferrara.
Il sangue si è seccato, forse, ma l’orrore è ancora più vicino, e più struggente.


Giovedì 11 gennaio 2018 | ore 18,00; 20,30
SOLO GLI AMANTI SOPRAVVIVONO
(Only Lovers Left Alive) di Jim Jarmusch (USA, 2013), 123’, v.o. sott. it.


Se l’umanità è in via d’estinzione, questo è il suo canto di sopravvivenza.


Giovedì 18 gennaio 2018 | ore 18,00; 20,30
PULSE
(Kairo) di Kiyoshi Kurosawa (Giappone, 2001), 118’, versione italiana


Il Regno dei Morti e il Regno dei Vivi non hanno più confini.


Giovedì 25 gennaio 2018 | ore 18,30; 20,30
TWIXT
di Francis Ford Coppola (USA, 2011), 90’, v.o. sott. it.


“La nostra opera deve essere la tomba che prepariamo per colei che la occuperà”.


Mercoledì 31 gennaio 2018 | ore 18,00; 20,30
LASCIAMI ENTRARE
(Låt den rätte komma in) di Tomas Alfredson (Svezia, 2008), 114’, v.o. sott. it.


“Eli, Eli. Io so che tu sei lì. Io ti aiuterò. Io ti salverò”.


Mercoledì 7 febbraio 2018 | ore 18,30; 20,30
THE ADDICTION
di Abel Ferrara (USA, 1995), 82’, v.o. sott. it.


“Chiedimi di andarmene, e fallo con convinzione”.

***

All’Asilo i concerti, gli spettacoli, le proiezioni, gli incontri sono ad ingresso libero. È gradito un contributo a piacere che serve ad abbattere le spese minime e a dotare gli spazi dei mezzi di produzione necessari ai lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura per portare avanti la sperimentazione politica, giuridica e culturale avviata all’Asilo.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.