Lettura di Risorsa umana. L’economia della pietra scartata

Copertina Lettura E1494186865189

A viva voce – A l’Asilo i libri prendono parola

a cura di Nicola Capone e di tutti e tutte che ne sentono il bisogno e il desiderio.
Ariele D’Ambrosio, medico, poeta e performer, legge

Risorsa umana
L’economia della pietra scartata

di Francesco Gesualdi

Gli incontri di lettura si sono tenuti nella Galleria dell’Armeria e della BIBLIOTECA nei mesi di aprile e maggio 2017

Il Libro

L’economia capitalistica ha messo a repentaglio la sopravvivenza del pianeta e condannato miliardi di individui a una vita disumana, persone classificate come poveri assoluti, e nessuno sa quanti siano esattamente. Inutili come consumatori e come lavoratori, non si sente il bisogno di contarli: “sono solo avanzi, scarti, di cui sbarazzarsi”.

Francesco Gesualdi non usa mezzi termini, descrive senza giri di parole le conseguenze sociali e ambientali di un sistema che dà importanza solo ai soldi e antepone la ricchezza alla felicità. Ma ora che il pianeta è sull’orlo del collasso si tratta di capire come recuperare la situazione, come garantire un’esistenza dignitosa riducendo il consumo di risorse e la produzione dei rifiuti.

La soluzione è cambiare prospettiva, rifondare l’economia sui valori che questo sistema ha sempre rinnegato: equità, inclusione, solidarietà, comunità, sostenibilità. Solo trasformando la pietra scartata in pietra d’angolo potremo salvarci.

Va ripensato il ruolo del mercato e dell’economia pubblica, del lavoro salariato e dell’autoproduzione. Ricordandoci che in economia non esistono nuove leggi da scoprire, ma solo nuove miscelazioni da sperimentare.

Le Registrazioni

#1.1 Parte Prima: La vecchia strada
Prologo: Dai mercanti alla persona
1. Il volto iniquo del mercantilismo
1.1 Se l’individualismo diventa virtù
1.2 L’inganno del PIL
1.2 Le lenti deformati del denaro
1.3 Il trionfo dei super ricchi

#1.2 Parte Prima: La vecchia strada
1.5 Il capitale all’assalto della politica
1.6 Il dilagare della povertà

#2.1 Parte Prima: La vecchia strada
2. Globalizzando tra schiavi e robot
2.1 L’ascesa delle apolidi
2.2 Se la vita non vale niente
2.3 United business of Benetton

#2.2 Parte Prima: La vecchia strada
2. Globalizzando tra schiavi e robot
2.4 Incontro a est fra Benetton e Abramo
2.5 Il mondo retrobottega
2.6 Organizzazione mondiale degli affari
2.7 Nuove strade per stessi obiettivi

#3 Parte Prima: La vecchia strada
3. Il mito della crescita impossibile
3.1 Sedotti e abbandonati
3.2 I conti senza l’oste
3.3 Sos cibo
3.4 La rivolta del pianeta
3.5 Non semplice taglio, ma nuovo modello

#4 Parte seconda: La nuova strada
4. La risposta del consumo responsabile
4.1 Da ingranaggi a granelli di sabbia
4.2 Votare col portafoglio
4.3 Creare ciò che non c’è
4.4 Sulle ali della sobrietà

#5  Parte seconda: La nuova strada
5. Dal benavere al benvivere
5.1 Il consumo di tempo
5.2 Il paradosso della felicità
5.3 Benvivere
5.4 Non quanto ma come

#6  Parte seconda: La nuova strada
6. Tre perni al posto di uno
6.1 La trappola del lavoro
6.2 Politiche immediate per il lavoro
6.3 Concentrarsi sulle sicurezze
6.4 Detronizzare il mercato

#7 Parte seconda: La nuova strada
7. Il fai da te per l’autonomia personale
7.1 Una questione di libertà
7.2 Imparare facendo
7.3 A scuola di sovranità sanitaria
7.4 L’autocostruzione possibile – Prosumatori biologici
7.5 Autoproduzione condivisa

#8.1 Parte seconda: La nuova strada
8. L’economia di comunità per le sicurezze di tutti
8.1 Bisogni fondamentali come diritti
8.2 Universale contro assistenziale
8.3 Il ruolo insostituibile dei servizi
8.4 Demonetizzare l’economia pubblica
8.5 Ridateci la comunità

#8.2 Parte seconda: La nuova strada
8.6 Prove tecniche di rinascita comunitaria
8.7 Comunità imprenditrice di se stessa
8.8 Primo coinvolgere
8.9 Piena inclusione lavorativa
8.10 Un nuovo contratto di cittadinanza

#9.1 Parte seconda: La nuova strada
9. Passi di transizione
9.1 Stringersi attorno a un progetto comune
9.2 Limitare lo strapotere delle imprese
9.3 Imporre il rispetto ambientale

#9.2 Parte seconda: La nuova strada
9.4 Localizzare la produzione, globalizzare i diritti
9.5 Respingere l’austerità, sostenere l’occupazione pubblica
9.6 APPENDICE
9.7 Economisti, basta ingannarci

 

 

L’Autore

Francesco Gesualdi, allievo di don Milani, è fondatore e coordinatore del Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano (Pisa), una realtà che oltre a organizzare campagne di cittadinanza attiva e a studiare il comportamento delle imprese, ricerca nuove formule economiche capaci di garantire a tutti i bisogni fondamentali nel rispetto del pianeta. Tra gli scritti più recenti del Centro e di Gesualdi si possono citare Sobrietà (Feltrinelli, 2005), Il mercante d’acqua (Feltrinelli, 2007), I fuorilega del Nordest (Dissensi, 2011), Guida al consumo critico (Emi, 2012), Le catene del debito (Feltrinelli, 2013).

Risorsa umana. L’economia della pietra scartata è pubblicato da edizioni San Paolo, 2015.
L’immagine di copertina è di Alex Staroseltsev.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.