Incontro di ricerca e creazione

ogni mercoledì alle ore 18:00

in remoto su piattaforma Jitsi: per partecipare scrivi a: la_tela@exasilofilangieri.it
ti invitiamo anche a iscriverti al gruppo Facebook

L’invito è aperto a tutte e tutti per trasformare insieme La Tela, un’opera collettiva e derivata che la comunità dell’Asilo ha inventato per mantenere vive le relazioni artistiche (e quelle che vanno oltre l’artistico) durante i mesi del distanziamento.
Ora nasce l’esigenza di riattivare e risignificare La Tela attraverso una nuova riflessione collettiva, in modo da rifuggire il rischio della staticità dell’opera e rispecchiare il contesto in continuo cambiamento.
Se hai già un’idea creativa (musica, immagini, testo, suono, grafica, codici di programmazione, metodologie per esperimenti di creazione collettiva…) puoi raccontarla durante l’incontro: immagineremo insieme come farla interagire con le opere già presenti sulla Tela e con le altre proposte che salteranno fuori mercoledì stesso.
Non hai ancora un’idea? Partecipa all’incontro di mercoledì; più cape fanno più idee!

la Tela “spiegata”

Comincia a esplorare la Tela su http://www.exasilofilangieri.it/la_tela/
È uno spazio web popolato da musica, video, voci, parole, immagini.
Un’opera derivata, ovvero realizzata necessariamente a partire da lavori già esistenti, con cui interagire.
Un luogo in cui persone lontane o vicine possono incontrarsi e creare insieme.
Un esperimento per dare forma a una composizione in cui la casualità è uno dei principi guida e l’errore è accolto come una possibilità.
La Tela va anche oltre il web: si è già tradotta in alcune performance dal vivo e aspira a prendere ancora altre forme.

non c’è tela senza telaio

Dietro ogni tela c’è un telaio, costituito in questo caso dalla struttura fatta di relazioni umane e incontri, da cui prende forma l’opera. Nella Tela, diversamente dal solito, ha un’importanza cruciale ed è posta al centro dell’atto creativo.
In continuità col pensiero fondante dell’Asilo, la Tela è anche un’occasione per interrogarsi sul fare arte oggi.
Un’arte priva di una direzione prestabilita, alla quale innanzitutto preme mettere in scena i principi di orizzontalità, cooperazione e interdipendenza. È su questo piano che si è provato a intrecciare il percorso politico e relazionale con la sperimentazione artistica.
Le idee riportate su Tela sono interdipendenti come lo sono le persone che le generano.
La Tela non vuole fermare il tempo, ma attraversarlo: il cambiamento è parte integrante dell’opera e sarebbe bello agirlo insieme.

Segui l’evento su Facebook